F.A.Q

Domande frequenti sulla registrazione di marchi e brevetti

Registrazione marchi

Cosa occorre per depositare una domanda di marchio?

È necessario individuare insieme al richiedente i prodotti o i servizi che si intendono tutelare con il marchio scelto, nonché un esemplare del segno da depositare. Sotto il profilo amministrativo, è richiesta una lettera di incarico firmata.

Quanto tempo occorre per depositare una domanda di marchio?
Una volta ottenuta la documentazione richiesta, per depositare la domanda di registrazione di marchio è necessaria circa una decina di giorni.
Quanto costa depositare una domanda di marchio?

Non è possibile fornire una cifra standard, perchè il costo dipende da molteplici fattori (esempio in quale Paese si intende depositare la domanda, per quali e quante classi, si richiede o meno la ricerca di anteriorità, ecc…).

Viene quindi fornito un preventivo ad hoc non appena ci verranno date tutte le informazioni necessarie.

E’ da sottolineare che il costo della preparazione e del deposito della domanda di registrazione non esaurisce tutti i costi per l’ottenimento della registrazione, potendo essere necessario replicare a rilievi degli Uffici o affrontare procedure di opposizione.

E' necessario effettuare una ricerca di anteriorità?
Non è obbligatorio, ma è fortemente consigliato, al fine di limitare eventuali ipotesi di conflitto con registrazioni simili preesistenti.
Una volta depositata la domanda di registrazione di marchio ho pieno diritto sul marchio?
Il deposito della domanda di registrazione del marchio è solo il primo adempimento per ottenere la registrazione, che è una procedura complessa e articolata. Prima di arrivare a registrazione, l’Ufficio competente potrà emettere rilievi a cui si dovrà replicare, rifiuti provvisori o definitivi; terze parti potranno depositare opposizioni alla domanda di registrazione, con conseguente apertura di un subprocedimento che si concluderà con una decisione dell’Ufficio sulla base delle argomentazioni proposte dalle parti.
Quanto dura una registrazione di marchio?
La registrazione di marchio dura dieci anni dalla data di deposito della domanda e può essere rinnovata per ulteriori periodi di dieci anni, dietro pagamento di un’apposita tassa di rinnovo.
Cosa devo fare dopo aver ottenuto la registrazione?
E’ ncessario che il marchio venga utilizzato effettivamente e continuativamente per i prodotti e/o servizi per i quali è stata ottenuta la registrazione ed esattamente nella forma concessa (stessa grafica, stessi colori, stessa parte verbale). In mancanza, la registrazione può essere oggetto di dichiarazione di decadenza.

E’ consigliabile a tal fine preparare e conservare un dossier contenente fatture, brochure, fotografie, packaging, articoli di giornali, tutti dimostranti la prova dell’uso del marchio.

Registrazione brevetti

Quando un trovato è brevettabile?
Quando ha i requisiti di novità, attività inventiva e applicabilità industriale. Deve altresì essere lecito e non deve rientrare tra i casi di esclusione quali le scoperte, le teorie scientifiche e i metodi matematici, i piani, i principi e i metodi per attività intellettuali, per gioco o per attività commerciali, i programmi per elaboratore, le presentazioni di informazioni, i metodi per il trattamento chirurgico o terapeutico o i metodi diagnostici del corpo umano e animale, le razze animali, le varietà vegetali.
Quanto dura la tutela brevettuale?
Dura venti anni dalla data di deposito della domanda di brevetto a condizione che venga pagata ogni anno una tassa di mantenimento.
Il brevetto ottenuto vale in tutto il mondo?
La tutela concessa con il brevetto vale solo territorialmente. Quindi, se ho ottenuto un brevetto italiano, la sua tutela varrà solo in Italia, se avrò ottenuto un brevetto statunitense, questo varrà solo negli USA, ecc…
E il brevetto internazionale?
Il brevetto internazionale concede una prenotazione per trenta mesi di tutela brevettuale nei 157 Stati aderenti. Questa prenotazione scade al trentesimo mese, appunto, quando si dovrà decidere in quali dei 157 Paesi si vorrà proseguire la procedura di rilascio del brevetto (ad esempio in Europa, in USA, in Giappone, ecc….). La sua convenienza sta nel tempo che questa tipologia di domanda concede all’azienda per capire a quali mercati rivolgersi per sfruttare l’invenzione economicamente.
Quanto costa ottenere un brevetto?
Non esistono costi standard, dipendendo da molteplici fattori. Dopo una prima consulenza gratuita, viene fornito un preventivo di massima, corredato di tutti i prevedibili costi futuri legati all’ottenimento del brevetto e al suo mantenimento.